“La terra nella quale eternamente fiorisce la vite,
sotto la montagna dalla nuda sommità,
dove il verde ombroso protegge e ristora.”

(VENANZIO FORTUNATO, 530 – 697)